lunedì 27 marzo 2017

Di quali garanzie gode chi acquista auto usate?

Il Codice del Consumo garantisce il compratore privato contro "difetti di conformità" del veicolo per due anni, analogamente a quanto previsto per qualsiasi bene nuovo. La garanzia è infatti un diritto irrinunciabile del compratore privato che acquista veicoli usati da un professionista (che sia questo concessionario, autosalone, officina o altro soggetto).  


Solo per quanto riguarda l’acquisto di auto usate è possibile ridurre la copertura della garanzia, purché ci sia espressa accettazione scritta da parte del compratore e non si scenda sotto i 12 mesi: la riduzione della garanzia ad un periodo inferiore ad un anno, anche in presenza del consenso scritto del compratore, è priva infatti di valore legale. La garanzia di conformità biennale non sussiste tuttavia quando ad acquistare è un soggetto giuridico (ad esempio quando è un’azienda a fare da acquirente): in questo caso particolare valgono le condizioni stabilite contrattualmente dalle parti. Attenzione invece quando la compravendita di auto usate avviene fra privati: essa non dà allora diritto alla garanzia di conformità, essendo tutelata solo dalle norme del Codice Civile.

Quando invece ad essere acquistata è un’auto a chilometri zero – ossia una vettura immatricolata da concessionario e rivenduta poi a prezzo scontato come “usato con garanzia della Casa” – la garanzia da parte della concessionaria scatta dalla data di consegna e non da quella d’immatricolazione. Ad esempio, se l’automobile viene consegnata dopo due mesi dalla prima immatricolazione a nome del concessionario, la garanzia della Casa sarà di ventidue mesi (detta anche “garanzia residuale della Casa”), ma quella del venditore nei confronti del compratore resterà comunque di ventiquattro mesi. Per i primi due mesi dalla prima immatricolazione sarà allora il concessionario a doverne rispondere in proprio, salvo che non abbia fatto sottoscrivere un accordo all'acquirente dove si dispone diversamente. Si noti infatti che l'auto a chilometri zero è a tutti gli effetti di legge “auto usata” (perché reimmatricolata) in quanto la prima registrazione è normalmente a nome del concessionario e quindi la garanzia può essere ridotta con il consenso del compratore.

Avv. Giovanna Richini
Consulente legale presso il Nostalgia Club

martedì 7 marzo 2017

Consiglio Direttivo Nostalgia Club: Maria Maddalena Orsini

Inauguriamo una nuova rubrica del blog Nostalgia Club per presentarvi i membri del neo-eletto Consiglio Direttivo 2017-2022 in cinque domande: cogliendo l’occasione delle Festa della Donna partiamo da Maria Maddalena Orsini, Vicepresidente del club e responsabile della Sezione Valtellina.


Da dove nasce la tua passione per i veicoli storici?
Nel 2005 ascoltando il consiglio di un amico ho realizzato un sogno acquistando una sportiva di gran carattere sinuosa, elegante, grintosa che regala emozioni ad ogni curva.

Meglio le auto o le moto?
Sin da piccola ho sempre preferito le auto.

Da quanto tempo fai parte del Nostalgia Club?
Dal 2005.

Come reagisci al detto “donne al volante, pericolo costante?”
Sorrido e penso... sempre meno di un uomo al volante con il cappello: "cappello al volante è sinonimo di pericolo costante".

Secondo te, il pubblico femminile è appassionato di motori?

Sì, questa passione è condivisa da tantissime donne; considera che la prima pilota di F1 risale al 1950 e la pioniera al 1948: tutte e due italiane.

lunedì 27 febbraio 2017

Abolizione del PRA? Facciamo chiarezza

La riforma della Pubblica Amministrazione prevista dalla legge Madia preannunciava, tra le altre cose, l'abolizione del Pubblico Registro Automobilistico (PRA), ente istituito nel 1927.


Dell'argomento si è parlato a lungo negli scorsi mesi, ma il quadro che ne emerge oggi è piuttosto diverso da quanto ci si aspettava: prima di tutto il PRA non verrà immediatamente abolito, ma per il momento subirà delle variazioni significative. Resterà una struttura separata dalla Motorizzazione – sebbene definibile ora come una sua “derivazione” – con propri dipendenti; anche le banche dati rimarranno distinte (così come il personale interno) e gli uffici non subiranno variazioni.       
 
Ad essere aboliti saranno invece certificato di proprietà e libretto di circolazione, che si fonderanno in un nuovo attestato: il documento unico di circolazione, che certificherà anche la proprietà di autocarri, automobili, motocicli e affini. Ovviamente non muterà lo status giuridico dei beni mobili registrati: auto e moto continueranno ad essere assoggettabili ad ipoteca ed al fermo di Equitalia (che si trasferisce nel caso di passaggio di proprietà), nonché alla dichiarazione di vendita in caso di veicoli nuovi e all'atto di vendita per quelli usati.

In attesa di maggiori dettagli sulle concrete modalità di attuazione della riforma gli utenti devono soltanto sapere che il PRA resterà gestito dall’ACI e rimarrà sotto la vigilanza territoriale delle Procure generali e di quelle della Repubblica, mentre la Motorizzazione entrerà nel controllo del suo sistema informatico. Quanto all'aspetto economico verrà invece abolita l’imposta di bollo sul certificato di proprietà (in quanto soppresso) e saranno limitati i compensi percepiti dal PRA, con un risparmio per gli utenti di 39 euro ad ogni passaggio di proprietà o immatricolazione dell’auto.      

Avv. Giovanna Richini
Consulente legale presso il Nostalgia Club      

sabato 25 febbraio 2017

Consiglio e Presidente 2017-2022


Il Nostalgia Club è felice di annunciare i nominativi dei componenti del Consiglio Direttivo 2017-2022, eletto sabato 25 febbraio durante l'assemblea ordinaria tenutasi presso la sede del club: 
  1. Orsini Maria Maddalena
  2. Canevali Mauro
  3. Baruta Claudio
  4. Peroni Dario
  5. Piccoli Danilo
  6. Zanotti Isidoro
  7. Zanotti Gianluca
  8. Andreoli Paolo
  9. Nava Angelo
  10. Ducoli Federico
  11. Do’ Marco

Riconfermati Mauro Canevali nel ruolo di Presidente e Maria Maddalena Orsini in quello di Vicepresidente. "Ringrazio tutti i tesserati che sono stati presenti alla votazione e che hanno scelto i nuovi componenti del Direttivo che andrà a consolidare e proseguire le attività svolte durante gli ultimi venticinque anni. Confido nel gruppo omogeneo che si è creato e nella sua voglia di lavorare con passione, spirito di dedizione ed innovazione!" dice Mauro Canevali "Sono onorato che il neoeletto Direttivo abbia riposto in me la fiducia per il nuovo mandato"

lunedì 30 gennaio 2017

Esiste una differenza tra le auto d’epoca e le auto storiche?

Ebbene sì, contrariamente a quanto si possa pensare, auto d'epoca e auto storiche non sono la stessa cosa. Le due definizioni non si equivalgono e le relative certificazioni portano a conseguenze diverse, come spiegato dall'art. 60 del Codice della Strada.         


Dall’articolo si evince che le auto d'epoca non possono circolare su strada in quanto prive dei requisiti minimi per essere utilizzate su strade pubbliche. La loro circolazione “può essere consentita soltanto in occasione di apposite manifestazioni o raduni autorizzati, limitatamente all'ambito delle località e degli itinerari di svolgimento delle manifestazioni o raduni” (Art. 60, co.3, lett. a, CdS). 
In questi casi le auto dovranno essere munite di targhe provvisorie e di fogli di via libera, rilasciati dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri nella cui circoscrizione è compresa la località sede della manifestazione o del raduno ed al quale sia stato preventivamente presentato, da parte dell'ente organizzatore, l'elenco particolareggiato dei veicoli partecipanti.         Nell'autorizzazione sono indicati: la validità della stessa, i percorsi stabiliti e la velocità massima consentita in relazione alla garanzia di sicurezza offerta dal tipo di veicolo. Le auto d’epoca certificate non fanno quindi più parte del PRA, il Pubblico Registro Automobilistico.    

Al contrario, le auto storiche possono circolare liberamente su strada, a condizione che siano dichiarate conformi da chi di dovere: devono cioè possedere, oltre all'iscrizione ad un apposito registro regolamentare, anche il “Certificato delle caratteristiche tecniche” e la carta di circolazione. È importante inoltre richiedere l'Attestato di Datazione e Storicità (AdS) che certifica la compatibilità e l'originalità delle parti componenti la vettura.    Trattandosi di veicoli che possono circolare, le auto storiche sono quindi sottoposte all’obbligo di revisione ogni due anni (obbligo inesistente invece per le auto d’epoca). 

La distinzione “storico” / “d’epoca” si applica anche alle altre tipologie di veicoli motorizzati: quanto detto sopra vale quindi sia per le automobili che per i motocicli.          

Avv. Giovanna Richini
Consulente legale presso il Nostalgia Club

venerdì 27 gennaio 2017

Cena Sociale 2017: un brindisi ai 25 anni!

Sabato 21 gennaio si è svolta a Breno presso il Ristorante Giardino la cena sociale del Nostalgia Club. Oltre settanta i presenti tra tesserati, amici e simpatizzanti: gremito sia il piano superiore del museo (dove si è tenuto l’aperitivo) che il salone del ristorante, in cui la cena è stata accompagnata da animazione musicale. Mentre sullo sfondo scorreva una carrellata d’immagini dell’ultimo quarto di secolo, il Presidente Mauro Canevali ed i responsabili delle sezioni Valtellina, Maria Orsini e Monza Brianza Paolo Andreoli hanno intrattenuto gli ospiti nelle pause tra una portata e l’altra. Venticinque anni rappresentano un traguardo significativo e l’augurio comune è che la sinergia continui ambiziosa verso il futuro, coinvolgendo un numero sempre maggiore di giovani e di quote rosa!
Nostalgia Club non significa solo automobili: il motore pulsante di chi ne fa parte è da sempre la passione, sentimento vicino alla generosità. Nel corso della serata Loretta Tabarini, presidente dell’associazione PromAzioni360, ha preso la parola per raccontare i progetti della neonata Sede Unicef di Valle Camonica, progetti ai quali il Nostalgia Club è felice di partecipare e su cui vi daremo presto informazioni più dettagliate. Al fine di consolidare la presenza del Nostalgia in loco e di portare ad un pubblico sempre più vasto la sua storia e cultura, il club si avvale da qualche settimana anche della collaborazione di Sandra Simonetti, camuna ed addetta stampa freelance.
Le fotografie della serata sono state pubblicate in un album sulla nostra pagina Facebook: chi volesse aggiungere le proprie è invitato ad inviarle via messaggio privato alla stessa pagina, oppure via mail a info@nostalgiaclub.com o via messaggio WhatsApp al numero 392 698 8480. 
 
Un ringraziamento speciale va ad Andrea Marsegaglia per la splendida – e buonissima! – torta e ai presenti che da lontano si sono messi in viaggio nonostante il gelo di questi giorni e le condizioni delle strade.
Cogliamo l’occasione per ricordare il prossimo appuntamento: sabato 25 febbraio, si terrà l’elezione del nuovo consiglio direttivo, che resterà in carica dal 2017 al 2022.

giovedì 22 dicembre 2016

Grazie a chi c’è sempre, anche con il pensiero

Prima di tutto un grazie sincero a chi in questi giorni c‘è stato: a chi ha predisposto il panettone sui tavoli, a chi ha tagliato il pandoro, a chi ha litigato con le casse perché ci teneva che ci fosse più musica e anche a chi si è preso freddo (tanto freddo!) pur di esserci anche se sabato giocava la Juve. Ah, grazie anche a chi si è arrampicato sul muro di cinta per attaccare la presa dalla luminaria: del resto si sa, con il Nostalgia Club non ci si annoia mai! Il tempo glaciale di sabato 17 dicembre non ci ha fermati e con una Mercedes, la Lancia Beta Montecarlo e la Ford Anglia del club abbiamo partecipato alla Notte Golosa di Breno. Gli intrepidi che sono passati per via Mazzini tra le note dei concerti e l’odore di frittelle hanno potuto ammirare la carrozzeria delle nostre vetture e perché no, anche scambiare quattro chiacchiere con chi intirizzito faceva avanti-indietro dall’interno dello Hymermobil (riscaldato), la nostra sede operativa mobile.

Grazie anche a quanti hanno condiviso un momento di allegria mercoledì 21 sorseggiando lo spumante e brindando al calendario 2017, per l’occasione proiettato sul muro in anteprima. Sono piccoli gesti, ma vogliono dire tanto per una realtà come la nostra che crede nella condivisione e che attorno al mondo di auto e moto storiche ha creato un giro di amicizie che dura tutto l’anno: traghettando gioie e dolori nel 2017, cogliamo l’occasione per augurare a tutti gli amici del Nostalgia Club un sereno Natale!